Ascoltare musica al lavoro: si può? Fa bene o male alla concentrazione? E soprattutto che musica ascoltare? È una domanda che tutti noi ci poniamo spesso. E soprattutto se la pongono tanti colleghi che lavorano nel mondo creativo.

creativi musica da ascoltare al lavoro

Si sa, si dice che la musica possa aiutare ad avere l’idea del secolo! Ma sarà vero? O è una leggenda metropolitana resa virale da qualcuno che della “dipendenza da musica” ha fatto uno stile di vita?

Oggi facciamo così: musica in cuffia e seguimi, scopriremo insieme se la musica aiuta o distrae. Se è un ottimo modo per distendere i nervi, potenziare la produttività o solo l’ennesima cattiva abitudine da millenials. Ma, soprattutto, metteremo giù qualche ideuzza su la playlist giusta per lavorare al computer.

creativi musica da ascoltare al lavoro

Ah la musica, ma come si potrebbe vivere senza. Alcuni l’adorano tutta, altri odiano visceralmente alcuni generi. Altri ancora la usano per festeggiare i propri successi, per calmare l’ansia, o per sfogarsi. Vero anche che qualcuno di noi non può dimenticare a casa auricolari senza sentirsi monco. Altri infilano nello zaino cuffie whireless ultimo modello. Addirittura altri, soprattutto chi lavora in open space condivisi, portano in ufficio CD da scegliere insieme.

Musica al lavoro, la ricerca di Linkedin e Spotify

Insomma, la musica in ufficio piace. A rivelarcelo è un’insolita ricerca realizzata da LinkedIn, in collaborazione con Spotify. Da questa emergono interessanti numeri, sconosciuti ai più. Lo sapevate che tra uomo e donna è di solito il primo che ama ascoltare musica, invece le donne meno? O che i Coldplay hanno ottenuto il titolo di “Desktop of the Pops”?

creativi musica da ascoltare al lavoro

Quello che è emerso però in maniera netta è che anziché distrarre, la musica sul posto di lavoro rende meno stressati i dipendenti. Inoltre ne aumenta la produttività, la motivazione e soprattutto la creatività. Chi immaginava che la musica avesse anche effetti terapeutici per il nostro benessere? O che, ad esempio, calmasse l’ansia da prestazione lavorativa?

Io, lo ammetto, lavoro sempre con la musica accesa! Ma cosa è meglio ascoltare mentre si lavora? Questa è la vera domanda a cui dare risposta! Piace e molto anche, ma il genere Rap in ufficio non funziona. Ammettiamolo, ascoltare Fedez, J-ax e “le ragazze dal grilletto facile” non è forse la scelta migliore. Infatti ritmo e ritornello facilmente canticchiabile disturberebbero la concentrazione. Come anche Despacido, tormentone estivo, dai che non se ne può più. Un po’ esce dalle orecchie, un po’ il clima “spiaggia, moijto a abbronzatura” non si addice alle grigie scrivanie degli open space. E allora su cosa buttarsi? Certo, SPOTIFY aiuta, ma cosa scegliere se vogliamo essere noi i DJ del ( nostro ) momento?

creativi musica da ascoltare al lavoro pic credit: lanadelrey.com

Vasco non delude mai, come anche i Coldplay, anche il cd di LP non è affatto male, e pure l’ultimo di Ed Sheeran. E gli intramontabili U2? Anche gli Abba non sono affatto male a costo di non canticchiare il ritornello del celebre “Mamma mia”.

Direi che questi per ora sono i più gettonati. Io, personalmente, non amo ascoltare musica italiana al PC. Appena riesco, mi porto da casa una chiavetta ad hoc con le mie ultime scoperte. E in ufficio, e in base al lavoro da svolgere, scelgo le canzoni che poi carico direttamente sul PC.

Qualche giorno fa mi sono allontanata dalla mia postazione e ho dovuto lavorare al computer di una collega fuori ufficio. Naturalmente anche sul suo computer erano aperte alcune playlist di musica, non ho potuto non sbirciare velocemente. Mi è venuto da sorridere leggendo i titoli: MUSICA PER ATTIRARE VIBRAZIONI POSITIVE, ( mah )… un’altra: MUSICA CELTICA PER NON UCCIDERE IL CAPO, ( ahahah ) e l’ultima: MUSICA PER SOPRAVVIVENZA.

creativi musica da ascoltare al lavoro

Certo, ascoltare diversi generi musicali è sempre un modo per scoprire nuova musica. E, chissà, magari la nuova frontiera è proprio quella della musica celtica!

Sicuramente non esiste la playlist ideale. Del resto non è difficile capire che ognuno sceglie la musica in base ai propri gusti, ai momenti della propria vita e forse anche in base a come ci si è alzati quella mattina dal letto.

E chissà che non siamo sulle stesse note, io e te. Chi può dirlo. Intanto, ti lascio qui la mia playlist, proprio quella che ascoltavo questa mattina, mentre impaginavo un lavoro. iniziava con Bebe Rexha – The Way, poi c’era OneRepublic – Secrets, quindi Lana del Rey con love io la adoro! E poi un po’ di sana grinta con Pink di What About Us e poi Sam Smith, Zayn, Avicii ft Rita Ora… e poi basta parole, passiamo alla musica.

Ecco, in sequenza, la playlist delle mie 10 preferite. ♥

1 comment on “Musica per creativi: quale genere ascoltare al lavoro?”

  1. Ci sono canzoni più energizzanti delle barrette Enervit – penso a certi classici, tipo Queen o Bonnie Tyler. Ma è vero: se ti entra nel cervello il ritornello… è una fregatura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *